Descrizione del progetto

Il progetto SWFM-QF

Towards a European qualification for Solid Waste Facilities’ Managers

Di cosa tratta il progetto SWFM-QF?

Il progetto mira a sviluppare una qualifica europea ed un programma formativo che risponda ai fabbisogni dei responsabili che operano nella gestione degli impianti di trattamento dei rifiuti solidi. Il progetto SWFM-QF è gestito da un partenariato a cui partecipano società provenienti da 8 paesi diversi.

Perché il progetto SWFM-QF?

I responsabili per la gestione degli impianti di trattamento dei rifiuti solidi si occupano di molteplici operazioni all’interno di impiantistiche impianti tra loro differenti come stazioni di trasferimento dei rifiuti, centri di riciclaggio, servizi di recupero materiali, impianti di trattamento meccanico e biologico, inceneritori e impianti di compostaggio. Secondo quanto emerso da studi recenti (ECORYS, 2009), la gestione dei rifiuti è il più grande settore dell’eco-industria europea, con un giro di affari che è passato da 70,5 miliardi di € nel 2004 a 92.2 miliardi di € nel 2008. Il settore ha generato 845 mila posti di lavoro nel 2000, passando a più di un milione e 400 mila nel 2008. Un altro studio (BIO Intelligence Service, 2011) stima che, la piena attuazione della legislazione europea attinente la gestione rifiuti favorirà un aumento del fatturato inerente la gestione ed il riciclaggio degli stessi pari a 5 miliardi di EURO annui e contribuirà alla creazione di oltre 400.000 posti di lavoro nel periodo 2008-2020. L’industria della gestione dei rifiuti ha subito notevoli modifiche negli ultimi anni, e continuerà a trasformarsi, di pari passo con le innovazioni normative, tecnologiche e tecniche.

L’introduzione di un approccio integrato nella gestione dei rifiuti e il graduale abbandono della pratica delle discariche, grazie all’introduzione di altre tecniche di gestione, hanno fortemente influenzato l’evoluzione del settore. Di conseguenza, le imprese di gestione dei rifiuti di “nuova generazione” stanno assumendo connotazioni sempre più tecniche, inserendo nella loro organizzazione soluzioni e processi innovativi. Questo influenza, a cascata, la struttura delle qualifiche e il set di competenze dei professionisti del settore.

Nonostante una richiesta crescente di professionisti con competenze tecniche che consentano di operare all’interno di impianti sempre più all’avanguardi, le qualifiche ed il sistema della formazione professionale per i manager degli impianti di trattamento rifiuti (SWFM) sono caratterizzati da strutture e procedure assai differenti tra gli stati membri e, inoltre, non sono allineate con la struttura europea delle qualifiche e dei crediti (EQF e ECVET).

Il progetto SWFM-QF intende coprire questo gap sviluppando una struttura europea per la qualifica, che sia conforme alle direttive comunitarie in materia di formazione. I risultati che emergeranno dalle fasi di indagine del progetto SWFM-QF, permetteranno di definire alcuni profili afferenti a diversi livelli di qualifica del manager degli impianti di trattamento rifiuti solidi.